visitate il nuovo sito www.arcipelago.eu

 

Arcipelago non memorizza cookie sul proprio server, ma vengono memorizzati da Google per fini statistici e pubblicitari.
Sicilia

Castello Donnafugata

lat.36.882000 long.14.564200
Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata

Visualizza mappa ingrandita

Il castello è stato nel corso degli anni sede di diversi set cinematografici e televisivi. Nella "stanza del biliardo" sono state girate alcune scene del film I Viceré, mentre sulla terrazza e nel parco del castello sono state girate varie scene della serie TV "Il commissario Montalbano". È stato anche uno dei set de Il racconto dei racconti - Tale of Tales, film di Matteo Garrone del 2015 e del film del duo Ficarra e Picone Andiamo a quel paese.

La prima costruzione del castello sembra dovuta ai Chiaramonte, conti di Modica nel XIV secolo. Nel XV secolo potrebbe essere stata una delle residenze di Bernardo Cabrera, all'epoca gran giustiziere del Regno di Sicilia, pur se si deve tener conto del fatto che tutti i dati riguardanti tale castello, precedenti il Settecento, ivi compresa la sua primitiva costruzione, sono solo il frutto della leggenda quattrocentesca, riguardante Bernardo Cabrera e Bianca di Navarra, e sono dati che non hanno alcun riscontro probatorio storico.

Successivamente, la costruzione del feudo ex Bellio-Cabrera di Donnafugata fu acquistata nel 1648 da Vincenzo Arezzo-La Rocca, già barone di Serri o Serre, che ne fece una masseria fortificata. Nel corso del tempo si trasformò in casina neoclassica e in castello neogotico. La maggior parte della costruzione si deve nell'Ottocento al discendente, il barone Corrado Arezzo, eclettico uomo di studi e politico.

Attraverso varie generazioni, giunse a Clementina Paternò di Manganelli, vedova del visconte Gaetano Combes de Lestrade.

Infine, dopo anni di incuria ed abbandono, nel 1982 venne acquistato dal Comune di Ragusa che, dopo lunghi lavori di restauro lo ha reso nuovamente fruibile.

Il castello, diviso su tre piani, conta oltre 120 stanze di cui una ventina sono oggi fruibili ai visitatori. Visitando le stanze che contengono ancora gli arredi ed i mobili originali dell'epoca, sembra quasi di fare un salto nel passato, nell'epoca degli ultimi "gattopardi". Ogni stanza era arredata con gusto diverso ed aveva una funzione diversa.

Da ricordare la stanza della musica con bei dipinti a trompe-l'œil, la grande sala degli stemmi con i blasoni di tutte le famiglie nobili siciliane e due antiche armature, il salone degli specchi (ornato da stucchi), la pinacoteca con quadri neoclassici della scuola di Luca Giordano. Notevole, poi, il cosiddetto appartamento del vescovo, con splendidi mobili Boulle, riservato esclusivamente all'alto prelato (un membro della famiglia Arezzo nel Settecento).

Tra i vari divertimenti rivolti agli ospiti del Barone, nel parco fu costruito anche un labirinto realizzato con muri a secco, in pietra bianca ragusana e sorvegliato all'ingresso da un soldato di pietra. Il labirinto riproduceva la forma trapezoidale del labirinto inglese di Hampton Court, situato vicino Londra, che probabilmente il Barone aveva visto durante uno dei suoi vari viaggi. Sui muri del tracciato si stendevano siepi di rose rampicanti che impedivano la vista e impedivano lo scavalcamento delle corsie.

Il barone Corrado Arezzo de Spuches di Donnafugata con le sue forti influenze politiche riuscì a far modificare il tracciato della ferrovia nel tratto Ragusa - Comiso in modo da farla passare nelle vicinanze del castello e avere la propria stazione ferroviaria.

Data l'importanza turistica i treni regionali tutt'oggi fermano regolarmente alla stazione di Donnafugata che dista meno di 400 m dal castello permettendo, a chi volesse, di raggiungere il sito in una breve passeggiata.

Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata Castello Donnafugata

Utilizzate la nuovissima App gratuita "ArcipelagoCamper" per cellulari e tablet Android da Google Play Store

Parliamo di noi nel web vedere novità: gruppo Facebook ArcipelagoCamper         Cerca itinerari luoghi da visitare Arcipelago: associazione no-profit

mandaci una e-mail  Il tempo è andato... la vita è un viaggio... il viaggio è un'avventura... il pensiero avrebbe voluto di più...  Google Analytics visitatori sito

L'utilizzo su altri siti: dei file, dei testi e delle immagini contenute su questo sito, senza preventiva autorizzazione, è espressamente vietato