visitate il nuovo sito www.arcipelago.eu

 

Arcipelago non memorizza cookie sul proprio server, ma vengono memorizzati da Google per fini statistici e pubblicitari.

Necropoli di Tarquinia


Visualizza mappa ingrandita
Itinerario Arcipelago..

Necropoli dei Monterozzi

lat. 42249619 long. 11.768195°

Il sito archeologico dal 1995 è un sito di importanza comunitaria. Le necropoli fanno parte del gruppo di necropoli etrusche di Cerveteri e Tarquinia, dichiarato patrimonio dell'umanità UNESCO dal 2004.

Le vaste necropoli di Tarquinia sono di eccezionale interesse archeologico, in particolare la necropoli dei Monterozzi, che racchiudono un gran numero di tombe a tumulo con camere scavate nella roccia.

Nelle tombe ci sono una straordinaria serie di affreschi, che rappresentano il più cospicuo nucleo pittorico a noi giunto di arte etrusca e al tempo stesso il più ampio documento di tutta la pittura antica prima dell'età imperiale romana.

Le Tombe formano delle camere funerarie, presentano le pareti decorate a fresco su un leggero strato di intonaco, con scene raffiguranti banchetti funebri, danzatori, suonatori di aulós, giocoleria, paesaggi, in cui è impresso un movimento animato e armonioso, ritratto con colori intensi e vivaci.

Dopo il V secolo a.C. figure di demoni e divinità si affiancano agli episodi di commiato.

Tra i sepolcri più interessanti si annoverano le tombe che vengono denominate del Guerriero, della Caccia e della Pesca, delle leonesse, degli Auguri, dei Giocolieri, dei Leopardi, dei Festoni, del Barone, dell'Orco e degli Scudi.

 Parte degli affreschi sono stati staccati da alcune tombe allo scopo di preservarli (tomba delle Bighe, del Triclinio, del Letto Funebre e della Nave), sono custoditi nel Museo nazionale Tarquiniense; altri sono visibili direttamente sulla parete su cui furono realizzati.

Sono state rinvenute anche sculture in pietra, presenti in rilievi su lastre o nella figura del defunto giacente sul sarcofago; notevole tra gli altri il sarcofago calcareo della tomba dei Partunu, opera di pregevole fattura, databile a età ellenistica.

Tra le decorazioni, un frammento ad alto rilievo, proveniente dal frontone dell'Ara della Regina, è conservato nel Museo nazionale tarquiniense, ove è raccolta tra l'altro un'importante serie di reperti ceramici, bronzi laminati, rilievi e terrecotte provenienti dalla zona, databili dal periodo tardo-etrusco.

Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago... Arcipelago...

Utilizzate la nuovissima App gratuita "ArcipelagoCamper" per cellulari e tablet Android da Google Play Store

Parliamo di noi nel web vedere novità: gruppo Facebook ArcipelagoCamper         Cerca itinerari luoghi da visitare Arcipelago: associazione no-profit

mandaci una e-mail  Il tempo è andato... la vita è un viaggio... il viaggio è un'avventura... il pensiero avrebbe voluto di più...  Google Analytics visitatori sito

L'utilizzo su altri siti: dei file, dei testi e delle immagini contenute su questo sito, senza preventiva autorizzazione, è espressamente vietato