visitate il nuovo sito www.arcipelago.eu

 

Arcipelago non memorizza cookie sul proprio server, ma vengono memorizzati da Google per fini statistici e pubblicitari.
Italia

Ravenna: Museo Nazionale


Visualizza mappa ingrandita

Nella sua storia, è stata capitale tre volte: dell'Impero romano d'Occidente (402-476), del Regno ostrogoto (493-540) e dell'Esarcato bizantino (584-751). Per le vestigia di questo luminoso passato, il complesso dei primi monumenti cristiani di Ravenna è inserito, dal 1996, nella lista dei siti italiani patrimonio dell'umanità dall'UNESCO, come sito seriale "Monumenti paleocristiani di Ravenna".

Le più antiche testimonianze archeologiche rinvenute permettono di datare almeno al V secolo a.C. la presenza degli Umbri nel ravennate dove rimasero indisturbati fino al III secolo a.C. quando iniziarono i primi contatti con la civiltà romana.

La lunga indipendenza degli Umbri è dovuta alla particolare conformazione territoriale di Ravenna che fino al termine del medioevo permetteva di raggiungere la città solamente via acqua; questa caratteristica consentì alla popolazione di intrattenere floridi rapporti politici ed economici con gli Etruschi e i Galli pur rimanendo indipendente da essi.

L'area del ravennate forniva una protezione naturale, infatti era delimitata a est dal mare Adriatico, a ovest dalla valle Padusa, una vasta zona paludosa attraversata dai fiumi Santerno, Senio, Lamone, Montone e Ronco che a nord si congiungeva nell'intricato sistema idrico del delta del Po, mentre a sud era collegata alla terraferma attraverso alcune dune sabbiose.

Gli storici antichi non riuscirono a identificare univocamente l'origine dell'insediamento preromano: per lo storico latino Plinio il Vecchio i fondatori della città sarebbero i Sabini; il greco Strabone invece afferma che i primi insediamenti della zona furono opera dei Tessali mentre per Dionigi di Alicarnasso furono opera degli Etruschi; infine lo storico bizantino Giordane suppone che la zona fosse abitata dai Veneti mentre per Zosimo dai Pelasgi.

La particolare posizione geografica della città convinse l'imperatore Augusto a dislocare nella località di Classe una grande flotta militare incaricata di vigilare sulla sicurezza dell'intero Mare nostrum insieme a quella presente nel porto di Miseno.

Il porto di Classe fu poi collegato al delta del Po dalla fossa Augusta e raggiunse la sua massima espansione tra il II e il III secolo, epoca in cui secondo Cassio Dione il porto poteva contenere fino a 250 navi da guerra, mentre la città era abitata da circa 10 000 persone, delle quali molte provenienti da oriente e quindi cristiane.

Nel 402 l'imperatore Onorio trasferì da Milano a Ravenna la capitale dell'Impero romano d'Occidente per sfuggire alle minacce del sovrano visigoto Alarico. Per via del suo status gli imperatori che si susseguirono diedero un grande impulso all'edilizia sacra e militare a cui si aggiunse uno sviluppo delle arti figurative durante il governo di Galla Placidia, nonostante ciò Ravenna fu dilaniata dalle continue lotte di potere che la condussero a un progressivo impoverimento generale.

Oltre alle guerre intestine la città dovette affrontare anche il naturale fenomeno della subsidenza che provocò l'interramento della laguna che rese la zona paludosa e inutilizzabile il porto di Classe. Ravenna rimase capitale dell'impero fino al 476 quando il re degli Eruli Odoacre depose il giovane Romolo Augusto, per poi mantenere il potere fino al 493 quando sopraggiunse il re goto Teodorico il Grande

Con lo scoppio della guerra greco-gotica nel 540 il generale bizantino Belisario per conto dell'imperatore Giustiniano I conquistò Ravenna elevandola immediatamente a capitale dell'Esarcato d'Italia.

 La città divenne quindi un importante centro di scambio tra la cultura occidentale e quella orientale e, nonostante la subsidenza del suolo e il grave dissesto idrogeologico generatosi, il suo antico porto fu mantenuto in funzione. Giustiniano pose al soglio arcivescovile (primo nella storia) Massimiano, uomo a lui fedele che nel corso del suo mandato si preoccupò di rendere la città un importante centro culturale ecclesiastico al pari di Roma e Bisanzio inaugurando edifici maestosi come la basilica di San Vitale e ospitando a corte letterati del calibro di Rusticio Elpidio Domnulo e Venanzio Fortunato.

La crescente importanza ed estensione dell'arcidiocesi di Ravenna, ormai autocefala e seconda solo a Roma, convinse nel 666 l'imperatore Costante II a emanare un privilegio che garantiva all'arcivescovato la piena giurisdizione sull'Emilia-Romagna.

L'indipendenza e la potenza dell'arcidiocesi di Ravenna furono più volte oggetto di scontro con il papato, tanto che nel 680 l'arcivescovo Teodoro decise di abbandonare l'autocefalia provocando una serie di ribellioni e un progressivo indebolimento del potere arcivescovile che fu poi soppresso nel 751 con la caduta dell'esarcato e la venuta del re longobardo Astolfo.

Le foto accanto sono del Museo Nazionale, segue la visita a Ravenna sulla pagina dedicata a San Vitale e Galla Placidia

Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale Ravenna: Museo Nazionale

Utilizzate la nuovissima App gratuita "ArcipelagoCamper" per cellulari e tablet Android da Google Play Store

Parliamo di noi nel web vedere novità: gruppo Facebook ArcipelagoCamper         Cerca itinerari luoghi da visitare Arcipelago: associazione no-profit

mandaci una e-mail  Il tempo è andato... la vita è un viaggio... il viaggio è un'avventura... il pensiero avrebbe voluto di più...  Google Analytics visitatori sito

L'utilizzo su altri siti: dei file, dei testi e delle immagini contenute su questo sito, senza preventiva autorizzazione, è espressamente vietato